Home Page / Arti marziali / Rubriche / Contatti
(Per gli interessati sono aperte le iscrizioni ai corsi di Ci Kung Primo, Secondo e Terzo Livello)

Ci Kung: primo livello


ATTENZIONE: PRIMA DI ACCEDERE A QUALUNQUE ALTRO TIPO DI RESPIRAZIONE E' INDISPENSABILE AVERE LA MASSIMA PADRONANZA NELLE QUATTRO RESPIRAZIONI FONDAMENTALI: DUE TEMPI, ADDOMINALE, TORACICA E CLAVICOLARE.

RESPIRAZIONE IN DUE TEMPI

Questo tipo di respirazione consiste semplicemente nell'INSPIRARE in un tempo pari al tempo dell'ESPIRAZIONE.

Praticare per 10 minuti, i tempi variano proporzionalmente alle esigenze soggettive.

Utilizzare la respirazione abituale.

Questa respirazione si può eseguire in qualunque posizione.

RISULTATI TERAPEUTICI
Equilibrio respiratorio e predisposizione a tutte le respirazioni.

RESPIRAZIONE ADDOMINALE
Praticare per 20 minuti, se questo tipo di respirazione dovesse causare malessere o stanchezza, continuare ad esercitarsi con la respirazione abitualmente utilizzata modificandola pian piano.

Il principiante, o chi è su di peso, deve disporsi sdraiato o supino su un tappeto, con le gambe piegate affinché la zona lombare poggi sul tappeto, e con le braccia distese lungo il corpo.

L'esperto può stare seduto con gambe piegate a 90 gradi, divaricate affinché gli organi della cavità addominale non impediscano i movimenti del diaframma. Pollice e indice devono essere uniti o le mani congiunte per favorire il passaggio e prendere coscienza dei flussi energetici. Le braccia vanno appoggiate sulle gambe.


Chiudere gli occhi, l'esperto può socchiuderli o tenerli aperti, l'importante è estranearsi. I respiri devono essere lenti, profondi, impercettibili all'orecchio. Avvicinarsi mentalmente al diaframma e alla parte bassa dei polmoni, sentire l'aria trasformarsi in energia che scorre liberamente. Il Ci ha origine nel cervello che stimola le ghiandole sparse nel corpo. Concentrarsi sul TANTIAN o DANTIAN (zona localizzata qualche centimetro al di sotto dall'ombelico). Se tutto và per il meglio, dopo 15/20 minuti inizia il rilassamento totale e la predisposizione alla meditazione. Dopo 30/60 minuti di meditazione si passa alla respirazione embrionale (che si può definire respirazione incontrollata).

RISULTATI TERAPEUTICI
Ossigenazione, disintossicazione e azione benefica e curativa di tutto l'organismo. Massaggio continuo di tutti gli organi interni, scorrevolezza del diaframma, stimolazione dell'appetitol'appetito. Curativo per: nervosismo, alta pressione, insonnia, tubercolosi, infiammazioni dell'intestino, stitichezza, gastrite, colite, inappetenza.

RESPIRAZIONE TORACICA

Praticare per 20 minuti, eseguire correttamente perché pericolosa, se dopo qualche minuto si dovesse sentire disagio o malessere interrompere e tornare alla respirazione addominale.

Posizione eretta, piedi devono essere distanti quanto la larghezza delle spalle, INSPIRARE espandendo il torace, questo movimento è consentito grazie all'azione dei muscoli intercostali. Piegare le braccia verso il basso a 45 gradi, dirigendo i gomiti lateralmente all'indietro per aprire il torace. Contraendo leggermente ventre e addome, riempire la parte superiore dei polmoni, socchiudere e contrarre mani e piedi. Rivolgere la punta della lingua all'insù toccando la parte centrale superiore liscia del palato.
ESPIRARE subito dopo aver finito l'inspirazione e riportare la lingua all'ingiù toccando con la punta la base della corona dentaria. Distendere le braccia lungo i fianchi e abbassare il diaframma. I vari movimenti del corpo vanno sincronizzati alle due fasi del respiro.

RISULTATI TERAPEUTICI
Favorisce la circolazione dell'energia, il Ci, in tutto il corpo. Elimina le tossine periferiche, combatte lo stress, favorisce i riflessi, rende il corpo scattante, regola l'alta pressione, dilata le vene varicose e i capillari in tutto il corpo. Favorisce la guarigione di disturbi agli organi interni. E' un esercizio terapeutico per il cuore, lo stomaco e i polmoni. Facilita l'eliminazione di muco, catarro e pus. Favorisce l'ossigenazione di tutto il cervello incluso il sistema nervoso centrale.

RESPIRAZIONE CLAVICOLARE

Questa tecnica può essere considerata la parte finale della respirazione toracica, ma allo stesso tempo è la conclusione di un respiro completo, che si svolge con l'ordine seguente: addominale - toracica - clavicolare. Praticare in posizione eretta o da seduto, iniziare con la respirazione addominale seguita da quella toracica finire quella clavicolare.

Dopo aver inspirato portando le braccia verso il basso a 45 gradi, dirigere i gomiti lateralmente all'indietro per aprire il torace. Contraendo leggermente ventre e addome, riempire la parte superiore dei polmoni, ruotare le spalle all'indietro, continuare a INSPIRARE anche quando si ha l'impressione non vi sia più spazio nei polmoni. Si sentirà l'aria nell'estremità superiore dei polmoni e si avvertirà un senso di leggerezza e di imbarazzo. ESPIRARE, eseguendo l'esercizio a ritroso.

L'azione terapeutica di quest'ultima respirazione associa i benefici di quelle precedentemente descritte.

Scrivi a Scuolainteriore.it

TUTTI I DIRITTI RISERVATI A SCUOLAINTERIORE.IT - Informativa sull'utilizzo dei cookie