Home Page / Arti marziali / Rubriche / Contatti

Ritmi Circadiani e Sport

Consultare i RITMI CIRCADIANI equivale a conoscersi interiormente, prevenendo disturbi e permettendo un utilizzo migliore delle proprie potenzialità nel momento più opportuno, migliorando gli obbiettivi prefissi.

In occasione di una gara che dovesse svolgersi in un luogo distante da quello di residenza, sarà buona norma partire 10/15 giorni prima, in modo tale da permettere al corpo e alla mente un periodo di adattamento alla nuova situazione.

Il GH (ormone della crescita) è il più importante ormone che influenza l'allenamento. Esso viene prodotto un'ora dopo aver preso sonno sino a quattro ore dopo essersi addormentati, ha la massima attività con acrofase a marzo.

- Al mattino sono da privilegiare le attività di basso impatto che impegnano l'intelletto e il massimo gesto tecnico.

- A mezza giornata sono da privilegiare attività di impegno medio e basso impatto.

- Nel primo pomeriggio sono da privilegiare attività di medio e alto impatto.

- Nel tardo pomeriggio e inizio sera sono da privilegiare attività di alto impatto.

- L'ora in cui l'uomo ha la massima attività è nel pomeriggio intorno alle 18.00, la donna, invece, al mattino intorno alle 8.00.

- La massima prestazione fisica, nella fase aerobica e anaerobica è dalle 16.00 alle 18.00.

Indicazioni (Ci riferiamo unicamente agli ormoni prodotti naturalmente dal corpo umano, il doping è SEMPRE negativo e dannoso):

- Il CORTISOLO (ormone prodotto dalla corticale del surrene, mantiene costante i livelli di glucosio nel plasma) è un ormone lipolitico che può incrementare al mattino l'allenamento, unitamente alla ipoglicemia mattutina, condiziona il sonno e la veglia, con acrofase vicino al risveglio (tra le 7 e le 8 del mattino).

- DURANTE L'ESERCIZIO SPORTIVO si verifica un aumento del numero delle cellule linfocitarie in proporzione al tipo e al carico di lavoro.

- GLI ORMONI ANABOLICI (prodotti nutritizi, presiedono la crescita muscolare.) hanno la massima attività durante l'allenamento, nei primi 25 minuti.

- GLI ORMONI CATABOLICI (ricambi organici, vedi il CORTISOLO) hanno la massima attività durante l'allenamento, dal quarantacinquesimo minuto in poi.

- I mattinieri hanno un aumento della temperatura corporea precoce rispetto ai nottambuli.

- Coloro i quali hanno la sistolica bassa (la pressione massima arteriosa), nell'allenamento progrediscono più lentamente rispetto a coloro i quali hanno la sistolica normale, in compenso hanno una resistenza maggiore.


I RITMI CIRCADIANI ci fanno capire quando il nostro corpo è al massimo o al minimo potenziale, considerando quello che è stato detto, possiamo trarre una conclusiaone riassuntiva:

- Il corredo genetico da delle informazioni al nostro corpo che rende i RITMI CIRCADIANI variabili e individuali con acrofase in diversi periodi del giorno e della notte.

- Si potrebbe avere tutti gli stessi RITMI CIRCADIANI, ma non è così, e la conseguenza è che siamo tutti diversi, però qualcosa ci accomuna: quello che condiziona maggiormente i ritmi RITMI CIRCADIANIi è l'alternarsi del giorno e della notte, il risultato è una acrofase che si verifica orientativamente nello stesso periodo per la maggior parte delle persone.

Come attraverso la respirazione può essere condizionato il ritmo cardiaco, anche i RITMI CIRCADIANI possono essere condizionati e influenzati con lo stile di vita.

Scrivi a Scuolainteriore.it

TUTTI I DIRITTI RISERVATI A SCUOLAINTERIORE.IT - Informativa sull'utilizzo dei cookie