Home Page / Arti marziali / Rubriche / Contatti

Medicine naturali alternative. Virtù delle erbe e delle piante medicinali

Amici di Scuolainteriore.it sono il M° Deiana e da oltre 20 anni ho scelto di limitare al minimo l'uso di medicinali convenzionali, aiutandomi con la prevenzione, un equilibrato stile di vita e l'uso di erbe. Scoprire e utilizzare le virtù curative delle erbe e delle piante, è un metodo antichissimo, economico, e generalmente non ha controindicazioni; ovviamente bisogna utilizzarle in modo corretto e nelle giusta quantità, diversamente gli effetti potrebbero essere contrari a quelli desiderati.

Lo zenzero

Lo zenzeroE’ originario dell’India e da millenni viene usato in Cina, i vecchi saggi dicevano che alimentarsene preserva dalla peste e dallo scorbuto.
In Cina la radice è considerata un tonico (YANG) e viene usato per rafforzare le energie maschili.
E' una pianta aromatica delle "zingiberacee", ha un bel profumo simile al limone, il gusto è forte e pungente come il peperoncino leggero, abbastanza gradevole.
Attualmente viene coltivata in tutti i paesi tropicali, con fusto eretto supera il metro e cinquanta di altezza, le foglie lanceolate, i fiori gialli chiaro sono profumati, frutto di forma allungata, la pianta erbacea si rinnova ogni anno.

Sostanze contenute
Amido, sali minerali, zuccheri, gingerolo, grasso, resina, acidi organici, cera,
mucillagini, sostanze orotate, pectina, acido malico ed ossalico, poliosi sesquiterpeni, shogaolo, antiossidanti.

Azione terapeutica
Stimolante per tutto l’organismo, ricostituente, ha proprietà antiradicaliche,
contro l’invecchiamento e l’affaticamento, ottimo per il sistema nervoso centrale, tonificacante, antivirale.
Fortifica e rinvigorisce lo stomaco, stimola i movimenti peristaltici e diversi enzimi, aumenta la secrezione biliare, favorisce la digestione, abbassa il colesterolo, è antiulcerosa e carminativa.
Favorisce l’espulsione dei gas dallo stomaco e dall’intestino, ha effetto spasmodico, contro la nausea e vomito, conseguentemente è preventivo per il mal d'auto, mal di mare e di aereo, contro il raffreddore, l’influenza, l’artrite, dolori articolari, antisettico, anticonvulsivante.
E' inibitore delle prostaglandine e della aggregazione piastrinica, epatoprotettore, bradicardizzante, analgesico, ipotensore, rilassante per i capillari, stimolante per la circolazione e la traspirazione contrastando l’impotenza.

Parti utilizzate: principalmente rizoma, fresco o in polvere.

Preparazione
Fresco, secco o in polvere, per conservare tutta la sua azione benefica tenerlo il meno possibile in cottura. Uso interno, viene usato come spezie nei cibi, oppure candito, come aromatizzante in alcune bibite.

Uso esterno: decotto per impacchi con panno, cottone o immersione, indicato per dolori muscolari e articolari come: lesioni, strappi, distorsioni.

Uso: Più volte al giorno, il rizoma fresco ha un effetto più blando, secco in polvere è più concentrato.

Controindicazioni
Evitare in caso di calcoli biliari. Evitare o limitare in gravidanza, eventualmente preferire rizomi freschi.

Conservazione
La conservazione e facile, per tenerlo fresco sotterrarlo in un vaso di terra cotta, pieno di sabbia.

<< Indietro

Scrivi a Scuolainteriore.it

TUTTI I DIRITTI RISERVATI A SCUOLAINTERIORE.IT - Informativa sull'utilizzo dei cookie