Home Page / Arti marziali / Rubriche / Contatti / English Version English Version

Filosofia del Tae Kwon Do

Il Tae Kwon Do è un'arte marziale, il fine principale di coloro che lo praticano deve essere quello di raggiungere la pace interiore.

Per questo motivo, il Tae Kwon Do, non può essere inteso soltanto come esercizio fisico, come una tecnica di attacco e di difesa, ma deve rappresentare un vero è proprio stile di vita, un modo di agire e di pensare.

Lo scopo del Tae Kwon Do è educare moralmente gli individui, sviluppando in essi un carattere forte e cortese.

Ne consegue che le raffinate tecniche di combattimento di cui quest'arte marziale è portatrice, devono essere intese esclusivamente come un mezzo per raggiungere il fine ultimo della pace e dell'equilibrio interiore.

Imparare il Tae Kwon Do non è semplice, ed è molto facile ottenere risultati contrari a quelli che quest'arte marziale impone ai suoi praticanti.

La preparazione fisico-tecnica, deve quindi, poter andare di pari passo con quella morale-spirituale.

Grazie al Tae Kwon Do, è possibile accrescere la propria capacità di pensare ed agire, e quindi di sviluppare la fiducia in se stessi, l'autocontrollo, la sincerità e la fede.

Infatti, se il comportamento dell'undividuo non è dettato dalla sincerità e dalla fede, nella sua vita non può esservi spazio la pace interiore.

Per ottenere i massimi risultati prefissi dal Tae Kwon Do (accessibili a tutti se sorretti dalla costanza nell'allenamento), è di primaria importanza la figura del Maestro, vera è propria guida sulla via della pace interiore.

Le 10 norme che elenchiamo qui sotto, riguardano il codice di condotta di un buon praticante di Tae Kwon Do e i rapporti che deve tenere con gli istruttori e il Maestro del Dojang (scuola di Tae kwon Do):

1 - Imparare ovunque e sempre senza stancarsi mai. Questo è l'unico segreto della conoscienza.

2 - Sacrificarsi per il Tae Kwon Do e per il proprio Maestro: prendere parte alle dimostrazioni, lavorare per la propria scuola, trasmettere le proprie conoscienze ai nuovi allievi.

3 - Essere un buon esempio per le cinture più basse, sfruttare in positivo la loro voglia di emulazione.

4 - Essere sempre leali verso il Maestro e l'arte marziale.

5 - Non ignorare nulla di ciò che insegna il maestro.

6 - Osservare sempre una condotta irreprensibile anche fuori dalla propria scuola.

7 - Non adottare tecniche che il Maestro non approva.

8 - Avere sempre il massimo rispetto per il Maestro

9 - Conservare la propria voglia di imparare e di chiedere chiarimenti.

10 - Avere sempre fiducia nei propri mezzi e negli insegnamenti del Maestro.

Scrivi a Scuolainteriore.it

TUTTI I DIRITTI RISERVATI A SCUOLAINTERIORE.IT - Informativa sull'utilizzo dei cookie